In pubblicità i marchi vanno da soli

con Nessun commento

pubblicità e marcheNEW YORK: Molte marche prevedono di bypassare la loro agenzia di pubblicità per programmare l’ acquisto di annunci di pubblicità.

Un giornale di Pubblicità ha riportato i risultati di un sondaggio del Club dell’OCM, che ha contattato 600 aziende nel mese di ottobre. Secondo questa ricerca, il 46,2% delle marche si preparano a considerare un rapporto diretto con le piattaforma, mentre un ulteriore 15,4% collaborano direttamente con le concessionarie di pubblicità.

Solo il 30,8% continua ad avere una gestione diretta con un’agenzia di pubblicità.

La rivista ha detto che questo crescita è stata guidata dalla crescente tendenza delle marche a raccogliere i dati dei loro possibili clienti. “Legandosi a una concessionaria le marche programmano le loro attività per raggiungere i consumatori come vogliono, riducendo al minimo la necessità di un intermediario,”.

Mentre l’acquisto programmato è stata finora limitato alle visualizzazione online e ai video annunci,nel futuro converranno anche gli spot in televisione. Comcast, ha processato il target degli annunci per abbonati che vedono la programmazione lineare di tv basate su profili demografici, al fine di stendere la piattaforma per il prossimo anno.

Comcast ha detto che la società sta costruendo un database con i nomi e gli indirizzi degli abbonati Comcast.
MediaPost spiegato che così come gli annunci alle famiglie in target, la piattaforma consentirebbe a Comcast di utilizzare il database localmente disponibile per vendere servizi aggiuntivi di Comcast per i propri clienti.

“Aziende come Amazon, Roku e siti di viaggi online hanno salutato con piacere la nascita dell’automazione e hanno prosperato”.
La Televisione sta per affrontare una simile sfida. Adattarsi o morire è stato il suo messaggio.



Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

Lascia una risposta