L’ e-commerce arriva nello stadio di calcio

con Nessun commento

LONDRA: i principali club di calcio in Inghilterra e in Scozia stanno sviluppando reti wi-fi nei loro stadi per cercare di sviluppare nuove opportunità commerciali e  di marketing in tempo reale per gli sponsor. Manchester City, Liverpool e Celtic Rangers sono i primi ad avere costruito questi sistemi, altri 15 club di Premier League inglese sono pronti a seguire l’esempio.

Josh Robinson, direttore per le soluzioni creative e integrate a Revolution Sport, azienda di marketing sportivo, ha detto a Marketing Week che tali reti potrebbe aprire durante le partite un “gran numero di opportunità di monetizzazione”.

“Se ci pensate i fans  store, sono ambienti altamente promozionali, pieni di atmosfera, anche gli stadi sono ambienti simili”, ha detto.

Ma ha avvertito che, quando i club creano delle campagne su reti wi-fi devono essere consapevoli del fatto che i fans sono negli stadi per vedere una partita e non acquistare un prodotto.

Egli ha menzionato il suo lavoro per il club scozzese dei Celtic, per i quali ha creato un app che consente agli sponsor di direzionare contenuti mirati per i fan. In aggiunta, c’è l’opportunità per gli sponsor di aumentare le proprie iniziative, come ad esempio programmi di fidelizzazione e promozioni in tempo reale.

“Se i club sono proprietari dei dati allora riescono a negoziare i contratti di sponsorizzazione in maniera decisiva”, ha aggiunto.

 

Molti club vedono i servizi di scommesse come una priorità, dato il loro ampio coinvolgimento con l’industria del gioco d’azzardo. La Premier League inglese ha notato che la maggior parte dei club sono “associati ad una società di scommesse, sia come partner principale, o un semplice sponsor cartellone”.

Questo sviluppo arriva tra mugugni dai fan per gli alti prezzi dei biglietti e i club cercano di far calare il loro prezzo e nei giorni delle partite sono  alla ricerca di fonti di reddito alternative.

La proprietà dei dati acquisiti può portare a controversie in futuro.

 



Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

Lascia una risposta