Disintossicazione digitale: Utilizzo smartphone al risveglio

con Nessun commento


LONDRA: entro 5 minuti dal risveglio un terzo degli utenti in Inghilterra controlla il proprio SMARTPHONE.

Secondo un sondaggio di 4.000 adulti britannici della società di servizi professionali Deloitte, due terzi dei giovani tra i 18-24 anni controllano i loro cellulari entro i primi 15 minuti della giornata.

Scoprire se qualcuno ha cercato di mettersi in contatto con noi durante la notte è la routine per la maggior parte degli utenti di smartphone – un terzo controllare i messaggi di testo è la prima cosa che fa al mattino e un quarto legge prima le e-mail e accede ai social network.

Una volta sveglio, un sesto dei possessori di smartphone nel Regno Unito usa il proprio dispositivo più di 50 volte durante il corso della giornata, secondo il rapporto.

Gli utenti tra i 18-24 anni sono i più prolifici, controllano anche 53 volte al giorno i loro dispositivi, il 13% di questi lo controllano più di 100 volte al giorno. Per contro, gli adulti di 65-75 anni controllano il proprio dispositivo solo 13 volte al giorno.

“I telefoni cellulari sono diventati chiaramente una sorta di dipendenza per molti, alcune persone hanno deciso di staccare i loro dispositivi e sottoporsi a una disintossicazione digitale”, ha dichiarato Ed Marsden, di Deloitte. Queste persone abbandonano i loro dispositivi e sperimentano “la vita fuori dalla griglia”.

Il rapporto ha anche analizzato che una delle ragioni per cui gli intervistati potrebbero voler cambiare provider di rete mobile è l’utilizzo delle applicazioni sui dispositivi 4G.

Un quinto (20%) degli intervistati considera la qualità di rete per l’utilizzo di Internet più importante della qualità della rete per le telefonate (16%), segno che gli operatori mobili hanno bisogno di soddisfare la domanda di connettività internet senza interruzioni.

I social network hanno superato email e video tra le applicazioni che sono più utilizzati sul 4G, dice il rapporto.

Tanto che la vista dei  video è sceso nel 2013 al settimo, Deloitte ha suggerito che questo è collegato alle preoccupazioni degli utenti circa le indennità dei dati.

“Nel breve termine, le indennità di dati 4G possono continuare ad inibire il consumo di video,”, ha detto Marsden. “Guardare video su 4G resterà occasionale ed utilizzata per i clip di breve video, piuttosto che film o programmi televisivi”, ha concluso.



Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

Lascia una risposta