Chioschi digitali in città

con Nessun commento
MANCHESTER: Google, O2 e Vodafone sono i principali inserzionisti che hanno sottoscritto per il lancio di CityLive, un network sulle news dell’arte con un box digitale touchscreen interattivo nel centro di Manchester.

Un totale di dieci ‘chioschi’ interattivi, noti come MiGuides, introdotti dal Consiglio locale e da MediaCo Outdoor, azienda di media out-of-home, fornirà immediate informazioni locali per passanti e il sistema sarà pagato dalla pubblicità.

Degli scanner monitoreranno gli spettatori per identificare la loro età approssimativa e il sesso e poi mostrerà annunci rilevanti per quel pubblico, in un modello simile a quello lanciato recentemente da Tesco presso le stazioni di servizio.

Richard Blackburn, direttore commerciale di MediaCo Outdoor, ha detto che gli inserzionisti possono monitorare e aggiornare le campagne in tempo reale. “Vogliamo fornire la migliore tela digitale per la creatività. Le marche possono aggiornare la creatività secondo la risposta,”ha detto.

Sono in grado di adattare i costi della campagna inserendo un bilancio nel pianificatore CityLive per provare come apparirebbe una campagna in un periodo prenotato.

Lo sviluppo è stato accolto in maniera favorevole dall’industria pubblicitaria. “Poter integrare efficacemente altri aspetti del marketing digitale è un fattore cruciale per il successo continuo dei Digital OOH. CityLive permette questo,”ha detto il partner strategico James Davies Posterscope.

Il consigliere comunale Coun Nigel Murphy ha detto sul Manchester Evening News: “Manchester vuole diventare una delle principali città digitali e le innovazioni come MiGuide che utilizzano le ultime tecnologie per migliorare l’esperienza del popolo della città sono molto efficaci per raggiungere questo scopo”.

I contenuti continuano a crescere e si cercano modi fantasiosi per le persone per interagire utilizzando gli schermi”.

L’iniziativa CityLive dovrebbe raggiungere un impatto di 5,2 m di adulti ogni due settimane e si spera che il progetto si sposterà in altre città del Regno Unito



Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

Lascia una risposta