Agenzie pubblicitarie cercano intuizioni

con Nessun commento

LONDRA: Una nuova ricerca ha dimostrato che in agenzie quando si parla di innovazioni, i pubblicitari mettono le idee strategiche e le intuizioni al primo posto. Alla domanda in quali aree i pubblicitari volevano vedere più innovazione nelle loro agenzie, la risposta è stata che l’81% voleva avere nuove idee e intuizioni strategiche, il 57% ha dichiarato la ricerca di nuove tecnologie.

Circa il 43% ha cercato nuove capacità e competenze, mentre il 38% ha preferito lavorare sul miglioramento dei processi di lavoro in generale, in termini di briefing, approvazioni e feedback. La maggiore efficienza di scambio è stata menzionata anche dal 30%.

Questi risultati, sono stati raccolti come parte del primo International Media Survey Immagine, da BSBMedia, agenzia di marketing, e The Vision Network, una società di comunicazione. Hanno intervistato 240 agenzie e 64 clienti  internazionali, durante la primavera del 2013. Questo studio ha esaminato le reputazioni e le percezioni delle agenzie internazionali e i proprietari dei media.

I pubblicitari mettono al primo posto la pianificazione strategica, la creatività e le persone. Le agenzie devono essere brave in tutto (servizio, intuizione, ROI, innovazione).

La reputazione e l’esperienza passata sono stati i motivi più importanti per la scelta di un’agenzia.

Nel sondaggio è stato chiesto alle agenzie e ai clienti quali erano i media con i quali avevano piacere nel fare affari. Tra le  TV / digitali, Discovery Channel ha segnato il più alto rating “divertimento” con un punteggio netto dell’ 8%, mentre Eurosport era in fondo con un punteggio di -7%.

Fra le testate giornalistiche internazionali nella stampa / segmento digitale il Financial Times, New York Times e Wall Street Journal registrano tutti un punteggio netto del 7%. Institutional Investor chiudeva la fila al -4%.

C’era un legame a doppio senso per i portali digitali / segmento social network, Twitter e Yahoo hanno registrato un punteggio netto del 2%. Facebook è stato dietro a tutti gli altri con il  -7%



Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

Lascia una risposta