Affiliate marketing ha un nuovo impulso

con Nessun commento

LONDRA: gli editori online che cercano di monetizzare i loro siti web stanno guardando il risultato di una iniziativa di marketing di affiliazione di Mail Online. Questo giornale online collega i contenuti editoriali con importanti venditori online.

Mel Scott, direttore commerciale di Mail Online, ha detto che il sito vuole provare modelli  di entrate diversi per sfruttare al meglio il suo pubblico globale di 8,2 milioni di contatti quotidiani.

Le sue osservazioni provengono da un recente studio di marketing di affiliazione globale (Forrester Consulting per Rakuten Linkshare ) che ha trovato che il canale di affiliazione è stato “ideale per gli inserzionisti globali per acquisire nuovi clienti nei mercati maturi ed emergenti”.

Il particolare sviluppo di Mail Online  consente ai lettori di storie di celebrità di scegliere  e cliccare su i link dei venditori online di abbigliamento e accessori presenti in articoli e fotografie, con ulteriori suggerimenti da parte della redazione. La possibilita’ di guadagno per Mail Online e’ del 10-14% del valore degli acquisti effettuati in seguito.

Scott ha detto al Financial Times che Mail Online ha firmato accordi di affiliazione con oltre il 90% sia di high street e rivenditori online.

Come esempio di quanto sia efficace la tecnica: Mail Online ha recentemente incluso un link per il vestito di un particolare rivenditore indossato dalla Duchessa di Cambridge. Il capo è esaurito nel giro di un’ora.

Scott ha dichiarato che la mossa è stata una risposta alle richieste dei lettori e ha aggiunto: “Faremo entrate di affiliazione intorno ad esso, ma l’integrità editoriale sarà assolutamente fondamentale.”

Ha anche indicato che i primi segnali sono stati positivi. “Abbiamo avuto enormi click through a guardare il prodotto e massicci click through nei prodotti proposti,” ha detto.

Il potenziale è notevole per un sito web con un pubblico globale, come Mail Online. Il rapporto Rakuten, che ha intervistato 2.574 acquirenti online in tutta l’Australia, Brasile, Canada, Francia, Germania, Giappone, Stati Uniti e Regno Unito, ha trovato che il 68% degli acquirenti del  canale di affiliazione ha fatto un acquisto on-line da una società al di fuori del loro paese d’origine.

I problemi logistici sono stati un fattore che ostacola un po ‘ la crescita per gli inserzionisti in espansione all’estero.

I dati sono provenienti dal Financial Times, BusinessWire;



Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

Lascia una risposta