Agenzia di pubblicità e disavanzo digitale

con Nessun commento
SAN FRANCISCO: Nella’ agenzia di pubblicità secondo un nuovo rapporto scarseggiano i talenti digitali e molte agenzie di pubblicità rischiano di perdere terreno in pertinenza e in conclusione perdere affari, ha affermato.

Online Marketing Institute ha intervistato 747 pubblicitari e dirigenti marketing sullo stato della formazione nelle loro agenzie pubblicitarie, si sono trovate significative divergenze tra le competenze e le conoscenze che dovrebbe avere  e quelle che hanno.

Solo l’8% dei dirigenti intervistati pensato che i loro dipendenti sono competenti in tutte le aree del marketing digitale e della pubblicità. La maggior parte (71%) sentono di essere competenti su alcune aree e deboli su altre. Circa il 15% ha ammesso di essere mediocre su tutta la linea, mentre il 4% si sentivano mediocri in alcune aree e deboli in altre e il 2% deboli in tutti i settori.

Nelle agenzia di pubblicità le lacune più grandi sono emerse sul mobile, Google analytics e marketing automation. Il 74% delle agenzie pubblicitarie intervistate ritiene che il mobile è un aspetto molto importante da curare, ma solo il 31% ritiene di avere un talento più forte  rispetto alla concorrenza.

Aaron Kahlow, CEO e fondatore dell’Istituto di Marketing Online, ha notato che la velocità di cambiamento nello spazio digitale ha creato delle difficoltà per le agenzie pubblicitarie per la ricerca di candidati con le competenze necessarie per fornire qualità creativa e strategia.

Egli ha sostenuto che i dirigenti delle Agenzia pubblicitarie si preoccupano delle necessità per affrontare il divario digitale solo per sopravvivere, non parlare di crescita. “Le agenzie di pubblicità che stanno investendo per colmare il divario attraverso programmi di formazione sono in grado di far arrivare i risultati migliori, dimostrando il loro valore e rafforzando le loro relazioni con i clienti” ha detto.

 Le aziende di pubblicità stanno fronteggiando grandi problematiche e questo è evidente nel sondaggio che ha trovato che oltre l’80% ha segnalato “sfide significative” nell’ individuare, assumere e trattenere i migliori talenti.

Non sorprende, quindi, c’erano più posizioni aperte per talenti disponibili. Circa il 40% delle aziende intervistate aveva altri progetti e posizioni aperte che potrebbe riempire, con analytics.

Online Marketing Institute ha suggerito che imparare online era un modo per colmare il divario, come quasi l’80% delle aziende seguiva questo percorso come soluzione praticabile per colmare la carenza.



Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

Lascia una risposta