La pubblicità al cinema supera la tv

con Nessun commento
NEW YORK: La pubblicità al Cinema secondo una nuova ricerca per i beni di consumo hanno un 37% più alto di ritorno sull’investimento (ROI) rispetto gli equivalenti spot in TV.

Questo risultato proviene dalle ricerche effettuate per il Consiglio di pubblicità del Cinema dalla Prof. ssa E. Craig Stacey, direttore di ricerca per il centro di NYU Stern.

Stacey ha esaminato una campagna di otto settimane per una marca di cereali molto importante che è andata al cinema, alle radio nazionali e nelle TV via cavo e TV locali. Per la parte della campagna al cinema, gli spot sono stati collocati su due principali circuiti di cinema, NCM MediaNetworks e Screenvision.

La sovraperformance di 37% totale è stata raggiunta dall’annuncio confrontando la spesa con unità incrementale del volume delle vendite.

“Inoltre, questi modelli sono particolarmente adatti per misurare le interdipendenze e le sinergie tra i canali media nel complesso ecosistema marketing di oggi,” ha detto.

Anche altre ricerche hanno indicato il ROI del cinema. Una meta-analisi intrapresa l’anno scorso da BrandScience hanno trovato che il cinema ha consegnato entrate supplementari di €3,07 per ogni euro speso in tutta Europa. Oltre a svolgere bene nella sua comunicazione, ha rafforzato anche altri mezzi di comunicazione, garantendo così ala campagna un più alto ROI.

Ma uno studio separato dall’Università di Colonia ha evidenziato una potenziale divisione tra proprietari di cinema che cercano di massimizzare le vendite di prodotti e gli inserzionisti che vogliono ottenere il loro massimo con il messaggio per i telespettatori. Questo studio ha trovato che mangiare popcorn rende le persone immuni alla pubblicità.

Separatamente, la crescente portata del cinema tra i baby boomers – 30% rispetto a una media del 17% – fu notata da Blackett Ditchburn, dei Media digitali del Cinema, un articolo in Admap, dove sostenne che essi erano un gruppo impegnato e informato che non dovrebbe essere ignorato.

 



Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

Lascia una risposta